Recensione gruppo – La Zattera della Medusa

artworks-000040193348-szn7u9-t200x200Primo EP per i fiorentini La zattera della medusa, che si lanciano nel grande calderone dell’alternative italiano con un paragone anagrafico molto ambizioso, richiamante l’omonimo e famosissimo dipinto di Gèricault, un autentico calderone di emozioni forti dove la speranza si mescola allo scoramento ed al trionfo del terrificante sublime della natura sull’uomo.

Anche se il confronto risulta ovviamente impari, ‘Profezie e simboli’ contiene comunque una manciata di buoni spunti – anche se spesso non valorizzati al meglio da una produzione un po’ carente – che richiamano già una discreta personalità all’interno della band, sempre in bilico tra musica cantautorale, tradizione folk/popolare e alternative; gli elementi che vengono messi più in mostra, lungo tutto il disco, risultano essere le chitarre acustiche di Dario, sempre in primo piano, e le lyrics di Marco, a metà tra il surrealismo, la critica sociale ed il revisionismo storico.

L’apice del disco risulta essere la mini-suite di sette minuti ‘Il massone di Vietri’, in cui il gruppo si gioca le sue carte migliori, facendoci ascoltare un brano ben composto, scorrevole e vario ma non stucchevole, in cui tutte le influenze del trio sono mescolate al meglio. Negli altri pezzi si avverte invece ancora l’inesperienza della band, che si concretizza in arrangiamenti poco curati e un poco piatti, e nella voce di Marco, che in alcuni frangenti mostra dei limiti tecnici e di intonazione (si veda, ad esempio, ‘Nella stessa brace’).

In conclusione, ‘Profezie e simboli’ si rivela un debutto senza infamia (interessante la proposta musicale ed alcuni spunti a livello compositivo) né lode (ci sono ancora evidenti margini di miglioramento a livello di produzione, arrangiamento e tecnica vocale/strumentale), che potrebbe però rivelarsi un primo passo di buon auspicio per la band fiorentina.

 

Link per l’ascolto:

https://soundcloud.com/lazatteradellamedusa/sets/ep-2013-profezie-e-simboli

 

Tracklist:

  1. Piutrentasette
  2. L’omicidio di Rasputin
  3. Nella stessa brace
  4. Il colore dell’avena
  5. Il massone di Vietri
  6. Una canzone breve
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...