Gruppo inedito – ABWNN


ABWNN, a band with no name, questo il nome della band di Bergamo che presenta il primo lavoro Sweet irene, ep autoprodotto contenente 5 brani. La formazione attuale prevede Luca Giazzi (autore della maggior parte dei testi e arrangiamenti) alla voce e chitarra solista; Marco de Lucia (autore e arragiatore) alla chitarra solista; Giovanni Pasinetti al basso e Alberto Capoferri alla batteria.
Da subito il gruppo mette le cose in chiaro: qua si salta! Fin dalle prime note dell’apertura Montecarlo Bay Blows Up l’andamento singhiozzante non può che smuovere chiunque si trovi nei pressi grazie anche alle melodie vocali accattivanti che caratterizzano tutti e 5 i pezzi, insieme a una batteria che non permette un attimo di respiro. Si prosegue sulla stessa falsariga anche in Revolution Time brano di cui è possibile vedere anche un video sul loro canale, dove si ascoltano piacevolmente gli intrecci delle due chitarre.

She doesn’t know my name è forse il pezzo musicalmente meno caratterizzato ma è forte di un testo interessante, un po’ nonsense e un po’ humor britannico.
Shockwave strizza l’occhio ai vecchi riff di Hendrix e al funk rock, con chitarroni come rasoi, ed è in realtà il primo brano da loro composto.
Words are Killers conclude l’ep provando a dilatare le atmosfere e far intravedere i potenziali sviluppi sonori su cui la band è già al lavoro.
Dichiaratamente di estrazione indie/british, Franz Ferdinand e Kasabian come influenze dichiarate, ma io aggiungerei anche The Strokes e una spruzzata di White Lies.
Il genere lo conoscono e lo suonano bene, adesso aspettiamo il nuovo lavoro per sentire meno le influenze e più il loro timbro personale che in questo ep si intuisce ma che non è ancora ben in evidenza.
Se stasera date una festa però mettete i loro pezzi che funzionano.

http://www.ABWNN.tumblr.com  (official website)
http://www.facebook.com/ABWNN (facebook fan page)
http://www.youtube.com/user/ABWNN  (youtube channel)

Una breve Bio

ABWNN (ABandWithNoName) nasce a Bergamo il 1 aprile 2010. Il nome del gruppo si ispira alla ”A Horse With No Name” che rese famoso il gruppo west-coast-rock chiamato America: ”una band senza nome” è l’ altro lato della medaglia, dove dietro ai quattro cantanti sfatti che passano alla radio, esiste un mondo infinito di giovani validi costretti a rimanere nell’ anonimato.

SWEET IRENE (Extended Play, autoproduzione, 9 aprile 2012)

La formazione che ha registrato il disco è quella attuale, che prevede Luca Giazzi (autore e arrangiatore) alla voce e chitarra solista; Marco de Lucia (autore e arragiatore) alla chitarra solista; Giovanni Pasinetti al basso e Alberto Capoferri alla batteria. Ad arricchire la produzione vi è un contributo da parte di Luca Gaverina (cantante dei The Talkatives) nel brano che apre il disco, ”Montecarlo Bay Blows Up”.

-”Montecarlo Bay Blows Up” è il primo brano del disco, un classico pezzo di tendenze indie-britanniche che grazie alla sua cadenza molto ritmata e alla sua semplicità, risulta molto ballabile. Particolare è l’ uso dei 5/4 nel bridge che separa in modo netto e sistematico la prima parte, dai suoni più aperti, sia per le chitarre che per la voce, dalla seconda parte, caratterizzata da una distorsione più grezza e sporca. Il brano ha lo scopo di inquadrare l’ ascoltatore nel genere dal quale il gruppo è maggiormente infulenzato (indie rock), avvisandolo però che ci sono forti cambiamenti e infulssi personali. Il compositore dei testi e arrangiatore della musica di questo brano è il cantante Luca Giazzi. A suo dire, l’ idea per la composizione del testo gli si è presentata in sogno: il protagonista, dall’ alto di un grattacielo dello skyline di Montecarlo (Francia) osserva uno tzunami che si abbatte sulla costa, ma non riesce a comprendere i passanti che, pur consapevoli di essere destinati a morire, non sembrano preoccuparsene (un immaginario John che passeggia per strada sorseggiando un birra: ”John was walking around / Then he had to close his eyes / And a man by the time / Knows he’s just going to die” )

-”Revolution Time” è il brano-chiave del disco, dal quale è strato tratto l’ anonimo videoclip girato da Semih Sahinoz e visualizzabile sul canale youtube del gruppo (www.youtube.com/user/ABWNN). In questo pezzo è molto presente la volonta del gruppo di puntare sull’ armonizzazione delle chitarre: partendo da banali riffs, costruendoci intorno melodie parallele e giocando con le ottave di ogni singola nota. E’ da evidenziare come, grazie alla professionalità di Francesco Matano e Damiano Sangaletti, dai quali il disco è stato rispettivamente mixato e registrato, sia possibile ascoltare il brano in due modi completamente differenti: se ascoltato in cuffia, le chitarre, in quanto eseguono due melodie distinte, sembrino lavorare su due piani diversi ma in contemporanea (ciò è dovuto principalmente all’ affinità che si è creata sin dai tempi dell’ infanzia tra i due chitarristi Marco e Luca); se invece si ascolta il brano tramite un impianto di diffusione, si ha l’ impressione che le chitarre siano un’ amalgama unico. Il gruppo ci tiene a sottolineare la difficoltà tecnica della batteria nell’ ultimo ritornello del pezzo. La composizione del testo e delle parti musicali è ancora opera del cantante Luca Giazzi, anche se è importante citare i piccoli aggiostamenti tecnici voluti da Marco de Lucia e Alberto Capoferri (batterista).

-”She Doesn’t Know My Name” è firmato Marco de Lucia (musica) e Luca Giazzi (testo). Aggiungere particolarità è molto importante per il gruppo, per non cadere mai nella banalità. Ecco che in questo brano i piatti, ben evidenziati, danno quel tocco in più che un normale ritmo in 4/4 avrebbe reso scontato. Gli ABWNN sono molto gelosi del testo di questa canzone. Ogni verso della strofa inizia con ”She is […]” ed è accompagnato dall’ accoppiata aggettivo + sostantivo. Nella seconda strofa, le stesse parole vengono mischiate in una nuova combinazione aggettivo-sostantivo.

-”ShockWave!” è il primo brano composto dagli ABWNN, firmato da Marco de Lucia, sia per quanto riguarda la musica, che per parte del testo, scritto in italiano e riadattato in inglese da Luca Giazzi, mantenendone le particolarità. Sonorità quasi noise rock nel ponte, chitarre taglienti e veloci colpi di charleston rendono il brano piacevole all’ ascolto.

-”Words Are Killers” è l’ ultimo pezzo scritto dal gruppo, cronologicamente parlando. E’ l’ eccezione che conferma la regola: sonorità diverse, uso quasi ostinato di effetti in studio di registrazione, testo breve e ripetitivo. Il brano è volutamente posto alla chiusura del disco, per lasciare intendere nuove sonorità in un prossimo lavoro, al quale il gruppo già sta pensando.

Le influenze del gruppo sono non facili da attribuirsi, perchè è un insieme di singole sonorità appartenenti ad altri artisti che, una volta prese in mano dagli ABWNN, rivoltate e messe insieme, creano un sound che è unico del gruppo. Queste sonorità possono essere ricondotte ad artisti come Franz Ferdinand, Arctic Monkeys, Kasabian.

Il disco, in quanto autoprodotto, viene venduto a partire dal 9 aprile ai concerti degli ABWNN al costo di 5 euro, oppure può essere ordinato tramite l’ indirizzo mail del gruppo (abwnn@live.it) e spedito in tutta Italia. Dopo la sua presentazione, sarà possibile ascoltarlo tramite i seguenti contatti:

http://www.ABWNN.tumblr.com  (official website)
http://www.facebook.com/ABWNN (facebook fan page)
http://www.youtube.com/user/ABWNN  (youtube channel)

Lunedì 9 aprile 2012 – ABWNN PRESENTAZIONE DISCO SWEET IRENE (indie/brit rock)
Dopo il singolo ”Revolution Time”, dopo il videoclip, finalmente gli ABWNN tornano per un’ unica data nel bergamasco, e lo fanno presentando il loro primo lavoro intitolato Sweet Irene. ABWNN è energia in trasformazione. Non è immobile o incollata al palco, ma anzi ne emerge portando alla luce un mondo fatto di ottave e veloci colpi di charlestone: provare per credere. Opening act The Talkatives.

http://www.ABWNN.tumblr.com  (official website)
http://www.facebook.com/ABWNN (facebook fan page)
http://www.youtube.com/user/ABWNN  (youtube channel)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...